Anno 132° - Ottobre 2020

Guardare con il cuore

Alberto Amadio

Si chiamava Averardo. La sua esistenza è trascorsa in un continuo divenire, animata da un’incredibile vitalità: capelli radi, barba ben curata; lo sguardo profondo, rivelatore di sensibilità, ingegno, attitudine alla riflessione; la consuetudine di meditare e scandire con lentezza parole e discorsi. Da quando ero bambino, l’ho sempre visto così. Non riuscivo ad attribuirgli un’età. Lo giudicavo anzi più giovane di me, quanto a vivacità, prontezza di spirito, entusiasmo. Diresse…

Leggi tutto

Archivio giornaleLeggi tutto