Anno 131° - Aprile 2019

Il marito collerico

Alfredo Pescante

Smettila di brandire in aria quel pugnale che già ha trafitto al petto l’irreprensibile tua consorte! Lascia cader a terra la micidiale arma che nulla è capace di risolvere e procurerà a te solo grande rimorso nella vita!». Così paiono ancor gridare dalla scena del secondo bassorilievo, nella cappella dell’Arca, i tre personaggi vicini al cavaliere toscano, facile all’ira anche dinanzi a un’ingenua risposta della paziente moglie. Due nerboruti lo…

Leggi tutto

Archivio giornaleLeggi tutto