Parliamo di numeri cioè del vostro cuore!

La scelta di destinare il 5 per mille è un’opportunità preziosa per sostenere le diverse associazioni che operano nel sociale. Le vostre firme, cresciute negli anni, affermano la vostra fedeltà. Come “Associazione Universale di Sant’Antonio” possiamo godere del contributo del 5 per mille perché rientriamo fra le «associazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art. 10, comma 1 (lettera a) del D.Lgs 460 del 1997» e siamo inseriti nell’elenco degli enti beneficiari del 5 per mille dal 2006.

Il 5 per mille è un’opportunità preziosa che lo Stato Italiano offre ai cittadini di esercitare il proprio sostegno a organizzazioni del Terzo Settore che operano in vari campi del volontariato, ricerca scientifica e sanitaria, nello sport, nella tutela, promozione e valorizzazione di beni culturali e paesaggistici o che che gestiscono aree protette. Una opportunità che non si sostituisce e nemmeno esclude l’8 per mille.

Un’àncora di salvezza per i destinatari degli importi che vengono raccolti! In più occasioni vi abbiamo raccontato perché quella firma che decidete di apporre sulla vostra dichiarazione dei redditi (indicando il codice fiscale 92028720289) è così importante per la nostra Associazione. E vi abbiamo anche raccontato dove va a finire la somma destinata: diventa aiuto concreto per chi è in difficoltà, un pasto caldo che le Cucine Economiche Popolari distribuiscono quotidianamente a tante persone, italiane o straniere, giovani e meno giovani, donne, uomini, senza fissa dimora, disoccupati.

Gli incontri che si possono fare svolgendo servizio alle Cucine Economiche (nella foto) sono i più diversi, toccano il cuore, non possono lasciare indifferenti, fanno riflettere e, tante volte, ci aiutano a renderci consapevoli di ciò che abbiamo e ad altri manca: ... anche un semplice piatto di pastasciutta! Vi abbiamo inoltre riportato qualche breve testimonianza di chi si è trovato, dall’oggi al domani, senza più niente, senza possibilità di pranzare dignitosamente.

In questo numero vorremmo invece toccare con mano, in maniera concreta e molto chiara, un po’ di numeri, non relativi a quantità di pasti caldi o di accessi alla mensa. Ma numeri che vi riguardano direttamente: quelle cifre che alle volte infastidiscono perché quando si parla di soldi, di euro... è facile storcere il naso. Noi invece vogliamo presentarvi queste cifre per dirvi ancora una volta grazie per averci scelto, grazie per aver messo la vostra firma. L’andamento del 5 per mille è sempre stato sostanzialmente in crescita, fin dai primi anni.

Senza andare troppo nel dettaglio negli anni passati, possiamo limitarci a segnalare che siamo partiti nel 2006 con un importo totale di 7.200 euro per salire l’anno successivo già a più di 11.000 e qualche anno dopo, nel 2011, a quasi 20.000. Analizzando e soffermandoci invece sugli ultimi anni, possiamo notare il risalire del numero di firme tra il 2017 e il 2018. In base ai dati che abbiamo a disposizione sul 5 per mille, rileviamo che l’importo medio per firma è leggermente più basso della media nazionale (che si attesta attorno ai 35 euro), ma è importante sottolineare l’andamento positivo ottenuto – ne siamo certi – più per il passaparola e l’affetto e legame che c’è con l’Associazione che per le campagne di comunicazione studiate appositamente e riportate sulla rivista, sul sito web, sulla pagina Facebook e trasmesse anche con i tagliandini prestampati.

Ritornando ai numeri, cari lettori e lettrici, come potete vedere dal grafico, dal 2017 al 2020 l’importo totale è più che cresciuto. Da circa 22mila euro siamo arrivati a ben 33mila, così come il numero di scelte sale da 862, poco superiore nel 2018 (880) fino a 993 nel 2019 e ben 1237 nel 2020. Certo, sono piccoli segni, ma ci piace ribadire ancora una volta che sono grandi aiuti per chi è meno fortunato di noi!

 

Lodovica Vendemiati